Make your own free website on Tripod.com

 

 

 
LA VENDEMMIA

Le giornate della vendemmia erano le più belle, le più attese dai contadini. Era il momento di tirare le somme di un'intera annata di lavoro e di fatiche non sempre giustamente ripagate a causa di una improvvisa grandinata o del perdurare della siccità. Quanto lavoro nella vigna, il verderame ogni settimana, togliere le erbacce tra i filari, solitamente la gramigna. Spedare ( potare con le mani ) i viticci e assicurarsi che la cenere ( la malattia dell'uva ) non attaccasse gli acini. Sulle strade ad ogni ora del giorno passavano carri e carretti trainati dai buoi, con sopra tutto l'occorrente per la vendemmia , tini, cesti, tinozze. Alle prime luci dell'alba ogni gruppo famigliare, allora molto numerosi, altrimenti riuniti in cooperative di due o tre famiglie, si avviava verso la campagna per intraprendere il lavoro. Arrivati nei campi si procedeva subito a scaricare dai carri tutti gli attrezzi; cesti e secchi venivano collocati sotto il pergolato, pronti per essere riempiti  di grappoli che i vendemmiatori staccavano dai tralci della vite

con un secco colpo di forbice o con una lama ben affilata di un coltello. Quando i recipienti erano ricolmi d'uva, venivano svuotati dentro la bigongia, che veniva caricata sulle spalle del più forte, e portata fuori dal pergolato per essere svuotata nella tinozza, dentro la quale di solito stavano due ragazzi a piedi nudi pronti per la pigiatura. In certe mattine d'ottobre i grappoli bagnati di rugiada erano talmente gelidi da costringere quei ragazzi a fare dei salti per riscaldarsi i piedi. Il pericolo per i pigiatori era quello di scivolare e cadere dentro le tinozze, allora per maggior sicurezza legavano una corda o un filo di ferro del pergolato a una colonna e con questo sostegno i ragazzi potevano pigiare  con maggiore tranquillità.  Altro momento critico

era quando arrivavano le vespe attratte dal dolce mosto. A volte capitava che senza accorgersi qualche ragazzo pestasse con il piede uno di questi insetti. Allora il suo piede si gonfiava a vista d'occhio con dei dolori fortissimi. Allora veniva sostituito e si continuava la vendemmia. Era usanza di noi vendemmiatori, intonare canti e cori ai quali rispondevano altri vendemmiatori nei campi vicini. Erano canti di gioia tra persone felici, innamorate della loro terra, del loro lavoro, del quieto vivere.

BACK ENIO HOME PAGE NEXT